Un ruggito con le radici in corpo: The Last Internationale

"Finalmente riesco ad avere qualche soldo per andare al mio primo concerto dei Pearl Jam dopo così tanti anni!", ho esclamato nel preciso istante in cui sono usciti i biglietti per l'I-Days Festival 2018 di Milano. E così è stato. Io, fan dei Pearl Jam dall'età di tredici anni, sono riuscito, una volta per tutte, … Leggi tutto Un ruggito con le radici in corpo: The Last Internationale

Steven Wilson, l’uomo dai mille progetti (1983 – 2013)

Tra le innumerevoli e sterminate orde di ristampe di album storici (vizietto che non smetterà mai e poi mai di non sorprendere realmente nessuno vista l’ottusità abnorme di certi discografici unicamente direzionati a masturbarsi su vecchi allori, secondo i quali tirare fuori dal cassetto inediti o archivi di registrazioni live da riadattare in digitale non … Leggi tutto Steven Wilson, l’uomo dai mille progetti (1983 – 2013)

John Cage e la memoria di alea e silenzio come suono di vita

Se ne andò il 12 agosto del 1992 tra le braccia di New York, città che accolse la sua persona ma soprattutto le sue incredibili idee (avanti di almeno quarant’anni rispetto ad ogni suo contemporaneo o discepolo), John Milton Cage, nato a Los Angeles il 5 settembre 1912 e riconosciuto, in ogni parte del mondo, come una delle menti … Leggi tutto John Cage e la memoria di alea e silenzio come suono di vita

Quando Gino Castaldo disse che le proteste in piazza non hanno colonna sonora

Il 7 gennaio 2012, preso da una delle mie solite botte messianiche, scrissi questo articolo sulle pagine di WakeUpNews. In una recentissima intervista telefonica a Rai News 24, in veste di chiarimento riguardo un suo recente articolo, il bravo e conosciutissimo critico musicale Gino Castaldo, nel corso della conversazione tenuta con la conduttrice del notiziario … Leggi tutto Quando Gino Castaldo disse che le proteste in piazza non hanno colonna sonora

Iron Maiden, The X factor e l’ignorata qualità del cambiamento

Non c’è alcun bisogno di presentazioni particolarmente amplificate, perciò non staremo qui a stendere chissà quali grandi biografie di leggende viventi rintracciabili in qualunque annale della storia del rock: gli Iron Maiden sono una delle pochissime band mondiali a godere del sinonimo di eternità. «Hell ain’t a bad place / Hell is from here to … Leggi tutto Iron Maiden, The X factor e l’ignorata qualità del cambiamento

La musica tra il vinile e lo streaming. Riflessioni antropologiche sui modi di approcciare l’esperienza sonora attuale

Lo so bene, mi sono documentato almeno un po’: quello di cui sto per parlare ha preso forma quattro o cinque anni fa. Nello specifico, però, non è sul prodotto a cui farò riferimento che voglio focalizzare l’attenzione e il perno del discorso, bensì su ciò che di ben più vasto quel prodotto – né … Leggi tutto La musica tra il vinile e lo streaming. Riflessioni antropologiche sui modi di approcciare l’esperienza sonora attuale

Sperimentazioni: Alvin Curran e le nuove forme sonore

Leggendo di recente Superonda – Storia segreta della musica italiana – uno splendido e importantissimo libro di Valerio Mattioli (edito da Baldini & Castoldi nel 2016), nonché tanto atteso resoconto su una stagione culturale nostrana che veramente in pochi (molto pochi) si sono presi la briga di documentare in maniera così precisa e analitica – sono rimasto particolarmente affascinato, tra … Leggi tutto Sperimentazioni: Alvin Curran e le nuove forme sonore

The God Machine. Il fascino del caos oscuro

Quando il buon Marco Cocci, leader dei Malfunk, allora conduttore della trasmissione televisiva notturna Mtv Brand:New, presentando il nuovo disco dei Sophia, chiedeva al loro frontman e compositore assoluto, Robin Proper-Sheppard, se potesse fargli una certa domanda, costui rispose semplicemente: «No, perdonami. Preferisco di no». E la trasmissione andò avanti come se niente fosse. Cocci aveva tentato di … Leggi tutto The God Machine. Il fascino del caos oscuro

Il futuro della musica è la playlist. Purtroppo

Il 20 novembre 2014, presso l’Università Statale di Milano, il noto interprete della nuova canzone italiana Marco Mengoni fu ospite di rilievo nel corso di un importante incontro/conferenza sul tema «Dal disco alla playlist. Come sta cambiando la musica e la sua fruizione nell’era digitale». Purtroppo il sottoscritto non presenziò al suddetto incontro, malgrado il … Leggi tutto Il futuro della musica è la playlist. Purtroppo

L’imprescindibile importanza di David Bowie, non solo camaleonte rock

Quel maledetto 10 gennaio 2016 la notizia fu di quelle peggiori, di quelle che non avresti mai voluto sentire soprattutto nei giorni in cui non vedevi l’ora di lasciarti assorbire dal suo ennesimo colpo di genio non solo discografico: David Bowie, al secolo David Robert Jones, se n'era andato via per sempre. Anche solo per … Leggi tutto L’imprescindibile importanza di David Bowie, non solo camaleonte rock